Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Galleria Biografia Recensioni la libertà paratissima the mag la stampa corriere dell'arte torino contemporary art arteglobale elena piacentini cronaca qui franca cassine il giornale del piemonte riccardo amapane il mercoledì il mio giornale futura Contatti 

la libertà

CARAMAZZA CON LE BUSTINE DI ZUCCHERO COLLAGE VITALI DAI COLORI PURI E FORTIPIACENZA - Le bustine di Minerva di Umberto Eco anni fa scossero la cultura italiana, le bustine di zucchero del performer Albino Caramazza potrebbero invece scuotere l'arte italiana. Come evidente nella personale "Omaggi", in cui troviamo l'ultima produzione dell'artista torinese. Caramazza ha compiuto un piccolo miracolo di tecnica, stile e figurazione: utilizzando bustine vuote di zucchero - dai disparati colori e dalla provenienza anche lontana - ha creato bellissimi e vitalissimi collage. I soggetti spesso riprendono icone dell'immaginario collettivo - Garibaldi, Che Guevara, La Monroe, John Lennon - ma anche dipinti di altissima caratura soprattutto di Matisse. "Datemi una bustina e vi solleverò il mondo" sembra dirci Caramazza che ha brevettato un medium espressivo di micidiale intensità. I colori puri e forti ne sono la quintessenza, non si tratta di un epigono della Pop Art ma di un indagatore sottile della cultura visiva contemporanea.f.b. 12 marzo 2013



Albino Caramazza