Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage Galleria Biografia Recensioni la libertà paratissima the mag la stampa corriere dell'arte torino contemporary art arteglobale elena piacentini cronaca qui franca cassine il giornale del piemonte riccardo amapane il mercoledì il mio giornale futura Contatti 

franca cassine

L’ARTE DIVENTA DOLCE CON LE BUSTINE DI ZUCCHEROI quadri di Albino Caramazza sono curiosi collage molto coloratiIl caffè al bar lo prende amaro, ma le bustine di zucchero sono la sua passione, tanto che le ha fatto diventare opere d’arte. Albino Caramazza nella vita fa l’impiegato e nel tempo libero realizza dei curiosi quadri costruiti utilizzando proprio le bustine di zucchero. Opere colorate e divertenti che saranno esposte fino al 30 aprile nei locali di GustOYnscatole di Via San Francesco d’Assisi 29 nella mostra “Art sans sucre” (ingresso libero dal lunedì al venerdì 10-15 e 18-21,30, sabato 11-15, chiuso la domenica)“L’idea è nata per caso – spiega -. Sono sempre stato incuriosito dalle bustine di zucchero dei bar, dai loro colori, dai messaggi pubblicitari che veicolano. Già di per se sono delle vere e proprie opere d’arte”. Così, un po’ per gioco, ha cominciato a collezionarle, prima raccogliendole lui stesso in giro per il mondo, poi coinvolgendo in questa mania parenti e amici. “Quando – racconta – il numero di bustine in mio possesso è diventato enorme (oltre il migliaio), ho iniziato a metterle in ordine in base al colore. Erano bellissime. Poi mi è capitata davanti l’immagine di Arlecchino, ho associato le due cose e ho creato il mio primo quadro”.L’amore per l’arte (e per il futurismo in particolare) di Albino Caramazza ha radici lontane ed è inizialmente sfociata nella realizzazione di disegni a china e a carboncino. Forse è anche per il fatto che quelle prime opere erano prive di colore che il suo nuovo metodo creativo è dominato da irresistibili cromie. Come il quadro dedicato a Giuseppe Garibaldi oppure quello in cui viene riprodotto il celebre “Bacio” di Francesco Hayez. La tecnica è quella del collage resa insolita proprio perché l’assemblaggio è costituito dalle comuni bustine di zucchero, ovviamente svuotate. “Ogni quadro – conclude Albino- è del medesimo formato: quello di 50 x 70. Per riuscire a realizzarlo utilizzo un numero di bustine che varia dalle 200 alle 300. Il vero problema è riuscire a reperire la materia prima per realizzare le mie opere: non è facile avere a disposizione un tale numero di bustine,,.Franca Cassine 3 aprile 2011



Albino Caramazza